cornice

Garden Club "Biella"

via Vinai, 6 Andorno Micca - 13811 Biella

E-mail: pieravaleggia@yahoo.it

Presidente: Piera Valeggia 

Chi Siamo

 

Il Garden Club Biella, nato il 20 marzo del 1989, giunto al traguardo dei 30 anni, si conferma come operosa presenza sul territorio biellese e raggruppa più di 150 soci, con un nucleo ancora prevalentemente femminile, anche se sempre più spesso ai fondatori e ai soci onorari si aggiungono adesioni maschili,considerato che il patrimonio naturale è ormai sentito da tutti nel suo reale valore. 
La prima presidente, Vittorangela Riva Rossaro, esperta di botanica e di floricultura, è tuttora presenza attiva e mentore del Club. 
L’attuale presidente, Piera Valeggia, già fortemente impegnata sul territorio, con attività legate all’ambiente e alle tradizioni locali, ora al suo terzo mandato consecutivo, continua su una duplice linea, realizzare gli scopi statutari del Club, con interventi, conferenze, corsi, progetti, e rendere sempre più stretti i legami con gli altri gruppi nell’UGAI, l’unione nazionale dei Garden Club e delle associazioni similari. Rosalba Caffo Dallari, presidente UGAI, è intervenuta alle celebrazioni del trentennale e ha rinnovato parole di elogio per l’attività e i risultati ottenuti, così come, al momento dell’istituzione del Club di Biella, padrino era stato l’allora presidente nazionale Aldo Ratti. Nel 2004, il nostro Garden ha ospitato il congresso nazionale UGAI. 

 

Tra le principali iniziative del Garden Club, ambizioso progetto al momento dell’istituzione del Club, è da annoverare la promozione di un orto botanico ad Oropa, sogno accarezzato da più anni dagli studiosi locali, realizzato dopo accurata preparazione con il nome di Giardino Botanico Nostra Signora di Oropa, con il contributo della Regione Piemonte, l’appoggio del Comune di Biella e il prezioso sostegno del botanico Alfonso Sella. Attualmente, il Giardino Botanico , che ha rapporti con i più famosi orti botanici del mondo ed attira visitatori non solo appassionati, ma anche esperti, è diretto per conto del WWF da Fabrizio Bottelli, persona preparata e lungimirante. Con significativa attenzione verso i bambini, il Garden Club contribuisce, insieme al Giardino Botanico, al progetto didattico Pollicini Verdi, volto a coinvolgere i più piccoli in attività ludiche con tema la natura, la sua conoscenza e la sua cura. 
Elemento qualificante del Club è la continua interazione con la realtà del territorio locale, con numerosi altri contributi alla cura e all’arricchimento del verde della Città e della Provincia, tesi a portare nuova vita a luoghi importanti per i Biellesi, quali la progettazione del Roseto del Piazzo, col motivo conduttore dell’impostazione del colore delle varie fioriture a seconda della luce ricevuta, la posa delle Camelie nel Giardino Della Rovere, aperto al pubblico, le Siepi di Spirea davanti al Palazzo della Provincia, l’esperienza degli orti condivisi a Chiavazza, rione periferico della Città e, recentemente, il Progetto per il Giardino dello Spazio Lilt e la realizzazione delle due aiuole antistanti l’ingresso del Nuovo Ospedale. 
Ultimi in ordine di tempo, il ripristino dell’antico Giardino del Santuario di Graglia e il Progetto per la riqualificazione ambientale del Sacro Monte di Oropa, in occasione della Quinta Incoronazione della Madonna nel 2020. Per continuare l’impegno in favore anche dei giovani, sono state istituite ed hanno regolarmente corso Borse di Studio per studenti meritevoli dell’Istituto Agrario Gae Aulenti di Biella e forniti contributi per alcune attività pratiche dell’Istituto. Il Garden Club partecipa, inoltre, al Progetto di educazione ambientale per allievi delle scuole primarie Plesso Verde, in Burcina.


Nel 2016 Mimma Pallavicini ha favorito, con la sua competenza professionale, la nascita della Rosa Garden Club Biella, ottenuta dai Vivaisti Veimaro, che si sono dedicati all’innesto, all’osservazione e alla cura di una rampicante senza nome, ritrovata sulle montagne biellesi.
E’ stata una grande soddisfazione per tutti i soci, ha procurato ampio interesse da parte dei media e sono usciti numerosi articoli sulla storia affascinante della “rosa perduta e ritrovata”. E’ una rosa “benefica”, considerato che per tre anni una parte del ricavato della vendita è stato devoluto all’Associazione Amici dell’Ospedale.
La Rosa Garden richiama al pensiero un altro fiore, la camelia che il Club ha donato alla propria città. Si tratta della Camelia Japonica Città di Biella, costituita dal vivaista Vincenzo Bianchi e dedicata dal Club alla città durante la terza edizione della Mostra della Camelia.

 

Nel corso degli anni, infatti, un’iniziativa particolarmente significativa è stata la Mostra della Camelia che, a partire dal 2002, per circa un decennio, ha radunato nella cornice rinascimentale del Chiostro di San Sebastiano centinaia di camelie insolite e particolarmente pregiate, portate dai vivaisti del Lago Maggiore. Unica nel suo genere nel Piemonte Occidentale, la mostra ha accolto ogni anno migliaia di visitatori. Ora il Garden Club ha il Progetto di far rivivere la Camelia e di porla nuovamente al centro dell’attenzione.
Numerosi esperti botanici e paesaggistici internazionali, quali Elena Accati, Guido Piacenza, Paolo Pejrone, Renata Lodari, Emanuela Rosa-Clot - l’elenco completo sarebbe lungo- sostengono il Club con la loro presenza, preparazione e professionalità. 

Nell’ambito della diffusione della cultura botanica, il Garden Club ha compiuto importanti studi sui Giardini Pubblici Comunali della Provincia di Biella, riuniti poi nel volume edito nel 2001, e regolarmente vengono fatti restaurare antichi volumi di carattere botanico della locale Biblioteca di Biella.

 

A marzo 2017 il Garden Club in collaborazione con il DocBi – Centro per la Documentazione Biellese - ha pubblicato il libro Viva i Vivai, a cura di Danilo Craveia con testi di Cesare Molinari, Guido Piacenza e Alessandro Corbellini, sull’attività del florovivaismo locale, fiorente dalla metà dell’Ottocento ai giorni nostri. L’idea del libro è nata dall’affido in custodia, da parte di un Comune montano, di importanti riviste della fine dell’Ottocento e dei primi del Novecento sui Comizi Agrari e  sulle loro pubblicazioni. 
L’opera coinvolge anche l’attuale Associazione Florovivaistica e l’Istituto Agrario, con la collaborazione dei suoi allievi, quale contributo alla stesura delle schede sulle aziende operanti sul territorio.

 

A dicembre 2018, sempre edito dal DocBi- e curato da Danilo Craveia, ha visto la luce il libro di poesie inedite di autori biellesi, dal Seicento alla metà del Novecento, a tema floreale Petali in rima, giardini in versi. Fiori e piante nella poesia biellese.

Il Club contribuisce, inoltre, alla valorizzazione e alla conoscenza del territorio con passeggiate naturalistiche accompagnate da esperti, conferenze ed incontri con qualificati relatori, visite a parchi e giardini italiani ed europei di elevato valore, corsi di composizione floreale,decorazione della casa e della tavola, corsi di orticultura e consulenze botaniche. Partecipa inoltre a rilevanti eventi legati alla natura, quali “ Candelo in Fiore” e gli “Orti della Malpenga” a Vigliano. 
Ricopre anche la funzione di stimolo al turismo verde: alcuni Garden Club italiani sono venuti in visita nel Biellese per ammirarne le bellezze.

Importante è la collaborazione con l’Oasi Zegna, con il Parco la Burcina, con l’AIAPP di Piemonte e Valle d’Aosta , con il Museo del Territorio, che ospita spesso conferenze e convegni del Club, con la Biblioteca Civica di Biella, con la Biblioteca di Città Studi. Nei Giardini di Palazzo Gromo Losa, ha contribuito alla realizzazione della Caccia al Tesoro Botanica. A Villa Boffo sede AIMA, èstato tenuto l’ultimo Corso di Botanica, a cura di Alfredo Sunder. Dal 2015 il Garden Club ha appoggiato l’iniziativa del Senatore Susta, primo firmatario della Proposta di Legge sul Bonus per il verde urbano, per la cura e la manutenzione degli spazi verdi. Un importante traguardo in favore dell’ambiente e del benessere.

La Presidente Piera Valeggia collabora regolarmente con i giornali locali e il nostro Club è rappresentato anche all’interno della redazione del giornale nazionale Garden.

Il Garden Club Biella è socio dell’Osservatorio del Biellese - Beni culturali e paesaggio, dell’Associazione Amici dell’Ospedale di Biella, di Leat eat Bi, e partecipa alle Giornate FAI. Ogni anno, organizza eventi in occasione della Giornata Nazionale del Giardino.